redazione@girovagandonews.eu Whatsapp +39 (366)-(188)-545

Il mondo sordo alle grida di fame dell’Etiopia

Il mondo sordo alle grida di fame dell’Etiopia
Da: Girovagando Pubblicato In: Marzo 15, 2024 Visualizzato: 288
REVOLUT ITALIA INIZIA ORA SCARICA L'APP

Il mondo sordo alle grida di fame dell’Etiopia

“La fame è scritta sui nostri volti, e puoi vederla negli occhi dei nostri bambini”

Un dirigente e fondatore di un'organizzazione benefica ha condiviso un raro e straziante resoconto della catastrofe in corso in Etiopia, dicendo: "è estrema più di quanto abbia mai visto in termini di sofferenza attuale e del potenziale di ulteriori deterioramenti, a meno che non ci sia un intervento significativo". Magnus MacFarlane-Barrow, fondatore e CEO di Mary's Meals, sta esortando le persone ad agire immediatamente per evitare una carestia diffusa, dopo un recente viaggio nella regione devastata dalla guerra.

Più del 91% della popolazione del Tigray è stata "esposta al rischio di fame e morte", secondo il presidente dell'Amministrazione Regionale Interim del Tigray, Getachew Reda, e milioni di persone sono disperatamente bisognose di aiuti alimentari. La regione è martoriata da due anni di guerra civile e mortale, che ha generato milioni di sfollati, distrutto infrastrutture essenziali e servizi sanitari, e si stima abbia causato la morte di oltre 600.000 persone.

Le interruzioni agli aiuti nel 2023, aggravate dalla mancanza di pioggia negli ultimi anni che ha portato a gravi siccità, hanno lasciato vite e mezzi di sussistenza in rovina e accelerato la crisi umanitaria della regione. Le attuali proiezioni dell'IPC (che classifica le Fasi dell’insicurezza alimentare da 1 a 5) suggeriscono che la maggior parte del Tigray sta vivendo livelli di fame di emergenza 4, ma probabilmente alcune famiglie vivranno la Fase 5 “catastrofe-fame” entro il mese di luglio.

Nel più grande ospedale della capitale della regione (Mekelle), il dottor Abraha Gebreegziabher, pediatra locale, spiega a Mary's Meals che sempre più bambini muoiono di malnutrizione nel suo ospedale: "Stiamo vedendo tre volte più casi di malnutrizione rispetto alla norma, e il tasso di mortalità è cinque volte più alto. Il numero di bambini morti per malnutrizione era abbastanza stabile negli ultimi 13 anni, ma da quando c'è stata la guerra, è raddoppiato. I decessi precedenti erano generalmente legati ad altre condizioni di salute, ma ora la malnutrizione è una causa a sé stessa."

In un momento in cui i giornalisti stanno lottando per ottenere accesso alla regione, questa situazione sta passando in gran parte inosservata.

Il futuro dei bambini è in bilico a causa di anni di conflitti, sfollamenti, siccità e malattie che hanno impedito a milioni di bambini di andare a scuola. Le statistiche regionali suggeriscono che più della metà di tutti i bambini in età scolare primaria nel Tigray (53%) non sono attualmente iscritti. La situazione peggiora a causa di gravi carenze di personale e dei danni alle strutture scolastiche subiti durante il conflitto: circa 15.000 insegnanti sono ancora irreperibili e il 95% delle aule nella Zona Centrale del Tigray “un'area in cui si svolge in gran parte il programma di alimentazione scolastica di Mary's Meals” sono danneggiate a causa della guerra.

Magnus MacFarlane-Barrow dice: "La situazione nel Tigray è catastrofica. Le persone stanno già morendo di fame e tutto quello che abbiamo visto sul campo indica un fondato timore che possa peggiorare se il mondo non risponde. Abbiamo sentito racconti di bambini che non sentono più il dolore della fame, non perché hanno mangiato, ma perché non hanno più l'energia per sentire il dolore.

"È difficile non fare confronti tra quanto il mondo sia stato mosso ad agire quasi 40 anni fa quando l'Etiopia era afflitta dalla famigerata carestia degli anni '80 e la situazione di oggi che è praticamente ignorata. Dobbiamo assicurarci che il terribile destino verso cui si sta dirigendo il Tigray non si avveri, ma lo farà se non agiamo ora."

Mary's Meals realizza il suo programma di alimentazione scolastica in Etiopia dal 2017. L'organizzazione lavora con un partner locale affidabile per mobilitare le comunità locali nel servire pasti scolastici nutrienti nei luoghi di istruzione per generare crescita e resilienza a lungo termine guidate dalla comunità attraverso l'istruzione e la nutrizione. Durante il conflitto, quando le scuole erano chiuse, Mary's Meals ha continuato a lavorare con il suo partner per fornire pasti caldi e altri sostegni essenziali a oltre 30.000 persone sfollate che si rifugiavano nei campi.

Mary's Meals ha reintegrato il programma di alimentazione scolastica poco dopo la riapertura delle scuole e attualmente fornisce pasti nutrienti a più di 45.000 bambini nella regione ogni giorno, riuscendo a raddoppiare le dimensioni del programma da Natale. Il partner di Mary's Meals è pronto a estendere il programma a nuove scuole e raggiungere migliaia di bambini in più, secondo le disponibilità di fondi.

Mary's Meals ha appena lanciato un appello globale per ottenere sostegno da ogni parte del mondo e mettere in evidenza la crisi umanitaria sempre più profonda del Tigray. Condividendo storie di persone incontrate nella regione nelle ultime settimane, l’organizzazione umanitaria spera di sottolineare la necessità critica di semplici pasti quotidiani nelle scuole come la Scuola Primaria Ara nell'Est del Tigray. La scuola è rimasta aperta da quando è terminato il conflitto, ma più di 300 studenti non sono tornati - molti di loro devono lavorare invece, nella speranza di ricevere qualcosa da mangiare. I pochi bambini che frequentano sono a malapena in grado di interagire a causa di ciò che hanno subito e della loro fame incessante.

Quando la comunità circostante ha saputo che i rappresentanti di Mary's Meals stavano visitando la Scuola Primaria Ara, 15 studenti si sono iscritti a scuola in poche ore. Il preside Weynareg Araya dice: "La comunità vuole che questa scuola continui a funzionare, ma in alcune case vogliono che i loro figli aiutino al sostentamento economico. C'è frustrazione nelle case a causa della fame, ma sanno quanto sia importante la scuola. Un programma di alimentazione scolastica sarebbe importante qui. Sosterrebbe gli studenti affinché siano attivi e imparino. Coloro che non frequentano la scuola torneranno, e saranno pieni di energia per imparare."

MacFarlane-Barrow conclude: "Ovunque andiamo, la gente ci chiede di espandere il nostro programma nelle scuole in modo da poter mantenere i bambini nutriti e a scuola perché la loro educazione determinerà il futuro. Una delle cose che definiscono questa situazione è che possiamo - e siamo pronti a - estendere il programma di Mary's Meals a molte più scuole se riusciamo a mobilitare più sostegno e raccogliere i fondi necessari. È evidente che il bisogno di questo è enorme. Per favore, unisciti a noi e agisci ora."

Per saperne di più e sostenerci visitate https://www.marysmeals.it 

Informazioni di contatto

Silvia Tolve
Mary’s Meals Italia ODV
+39 351 1974433
silvia.tolve@marysmeals.org

Via Crescenzio 2, 00193 Roma


Giornalismo indipendente:come proteggerlo Pubblicità DEVONO SAPERE DI NOI
ADRIANO CELENTANO Hurricane Music Production GIANNA NANNINI
Girovagando


Attualità

La Radio


La foto del giorno

Seguici su