redazione@girovagandonews.eu Whatsapp +39 (366)-(188)-545

Manganellate agli studenti, Piantedosi: “Non abbiamo cambiato le regole. Eccessi? Li valuteremo”

Manganellate agli studenti, Piantedosi: “Non abbiamo cambiato le regole. Eccessi? Li valuteremo”
Da: Girovagando Pubblicato In: Febbraio 25, 2024 Visualizzato: 400
REVOLUT ITALIA INIZIA ORA SCARICA L'APP

Manganellate agli studenti, Piantedosi: “Non abbiamo cambiato le regole. Eccessi? Li valuteremo”

Il ministro dell'Interno: "Le immagini di Pisa hanno amareggiato anche me. Condivido le parole del Presidente della Repubblica"


Le regole sulla gestione dell'ordine pubblico non sono cambiate, anche stavolta non ci si sottrarrà ad una valutazione di ciò che è accaduto. Lo assicura il ministro dell'Interno Matteo Piantedosi, che al Corriere della Sera spiega di condividere le parole di Mattarella sulle cariche della polizia sugli studenti.

"Le immagini di Pisa hanno amareggiato anche me. Il governo vuole assicurare la massima espressione della libertà dei cittadini", prosegue. "Ho parlato con il presidente" Mattarella "condivido le sue parole come le condividono tutti i poliziotti. Tutti noi auspichiamo sempre che le manifestazioni pubbliche si svolgano pacificamente e senza incidenti. Fondamentale in tale senso è anche la collaborazione degli stessi manifestanti", dice il ministro.

Piantedosi ha assicurato che riferirà in Parlamento, come chiesto dalle opposizioni: "L'ho sempre fatto rispetto alle tematiche che mi competono. Non credo che nessuno possa dire che mi sia mai, anche solo minimamente, sottratto in tal senso. Anche questa volta sono doverosamente disponibile a discussioni che auspico serene e costruttive, e non pregiudizialmente orientate a screditare l'azione del governo o delle forze di polizia".

"Da più di un anno le manifestazioni pubbliche gestite dalle forze dell’ordine - spiega il ministro - sono state oltre 13mila, e di queste solo una minima parte ha fatto registrare incidenti, peraltro con una prevalenza di feriti tra le forze dell’ordine rispetto ai manifestanti. Dal riacutizzarsi del conflitto israeliano-palestinese l’impegno è notevolmente accresciuto. Dal 7 ottobre scorso sono state più di mille le manifestazioni e soltanto nel 3% dei casi si sono registrati incidenti”.


Giornalismo indipendente:come proteggerlo Pubblicità DEVONO SAPERE DI NOI
ADRIANO CELENTANO Hurricane Music Production GIANNA NANNINI
Girovagando


Attualità

La Radio


La foto del giorno

Seguici su