redazione@girovagandonews.eu Whatsapp +39 (366)-(188)-545

Cartigliano «Vi» Picchiarono mamma macaco con un bastone per rubare il suo cucciolo dal parco Cappeller: denunciati

 Cartigliano «Vi» Picchiarono mamma macaco con un bastone per rubare il suo cucciolo dal parco Cappeller: denunciati
Da: Girovagando Pubblicato In: Gennaio 31, 2024 Visualizzato: 353
DEVONO SAPERE DI NOI

Cartigliano «Vi» Picchiarono mamma macaco con un bastone per rubare il suo cucciolo dal parco Cappeller: denunciati

VICENZA - Accusati di aver rubato un cucciolo di macaco, sono stati denunciati. A individuare i due uomini di Venezia sono stati i carabinieri della compagnia di Bassano del Grappa assieme ai Forestali di Vicenza. Il furto è avvenuto tra il 30 e il 31 luglio 2023 all'interno del parco faunistico Cappeller di Cartigliano.

Dai primi accertamenti compiuti sul posto era emerso che due uomini si erano introdotti all'interno dell'area del parco dopo avere reciso alcune reti e forzato un lucchetto, avevano raggiunto la piccola comunità di macachi, formata da una coppia riproduttiva e da quattro «figli», tutti riuniti in una gabbia. Dopo aver allontanato con la forza gli esemplari più grandi, picchiandoli con dei bastoni, avevano prelevato la scimmietta neonata fuggendo in auto. Il cucciolo era stato poi ritrovato il giorno dopo il furto in un comune nel veneziano, da una persona che aveva dichiarato di averlo visto chiuso in una gabbia per strada. In realtà si trattava di uno dei due ladri che, vista l'impossiblità di accudire il macaco, ne aveva simulato il ritrovamento.

La piccola scimmietta appartiene a una specie tutelata dalla Convenzione sul commercio internazionale delle specie animali e vegetali (Cites) minacciate di estinzione, firmata a Washington nel 1973. Dalla visione visione dei filmati è poi emerso che l'uomo aveva fatto visita al parco faunistico con la propria famiglia e a un'altra famiglia. Le donne e i bambini si erano poi allontanate con un'unica macchina e i due uomini nell'altra. Si tratta di un trentasettenne, quello che aveva riconsegnato il cucciolo, e un trentacinquenne, i quali sono accusati di furto pluriaggravato in concorso, maltrattamenti e lesioni di animali e porto abusivo di oggetti atti ad offendere.

Girovagando


Attualità

La Radio


La foto del giorno

Seguici su