redazione@girovagandonews.eu Whatsapp +39 (366)-(188)-545

Giustizia per l’assassinio di Amarena

Giustizia per l’assassinio di Amarena
Da: Girovagando Pubblicato In: Settembre 06, 2023 Visualizzato: 1515
REVOLUT ITALIA INIZIA ORA SCARICA L'APP

Giustizia per l’assassinio di Amarena

Amarena è morta la sera, alla periferia di San Benedetto dei Marsi, fuori dai confini del parco, a causa di un colpo di fucile esploso da Andrea Leombruni, 56enne di San Benedetto dei Marsi. La dinamica è ancora da accertare e sono in corso le indagini da parte delle forze dell’ordine. Ma guardando le decine di video girati in questi anni ad Amarena, che attraversa placida piazze e cortili, si può escludere categoricamente che l’uomo abbia sparato per difendersi. “Amarena – ha scritto l’associazione Salviamo l’orsonon ha mai costituito un pericolo per l’uomo come anche le sue immagini di nemmeno tre giorni fa girate a San Sebastiano dei Marsi hanno mostrato senza alcun dubbio”.

La stessa associazione, che da anni è concretamente impegnata nella conservazione del raro plantigrado, ha annunciato azioni legali. “Useremo tutti i nostri avvocati e tutto il tempo ed il denaro di cui ci sarà bisogno per far sì che rimpianga amaramente ciò che ha fatto. Lo faremo perché un orso non vale una gallina, perché un orso è specie protetta in Europa, in Italia, in Abruzzo e dunque anche a San Benedetto dei Marsi. Chiederemo al sig. Andrea Leombruni un risarcimento milionario che lo costringa a passare i prossimi anni tra avvocati e aule di tribunale, e se Dio vuole alla fine di questo lungo procedimento utilizzeremo il suo denaro per aiutare i nostri orsi”.


Giornalismo indipendente:come proteggerlo Pubblicità DEVONO SAPERE DI NOI
ADRIANO CELENTANO Hurricane Music Production GIANNA NANNINI
Girovagando


Attualità

La Radio


La foto del giorno

Seguici su