Arriva Fold, lo smartphone pieghevole di Samsung. Ma in Italia pochi pezzi

Arriva Fold, lo smartphone pieghevole di Samsung. Ma in Italia pochi pezzi
By: LRT Pubblicato il: novembre 08, 2019 Vista: 3

Arriva Fold, lo smartphone pieghevole di Samsung. Ma in Italia pochi pezzi

MILANO - Galaxy Fold, lo smartphone pieghevole di Samsung, è finalmente in arrivo, ma saranno poche centinaia i clienti italiani che potranno averlo. Non è solo una questione di prezzo, che supera i duemila euro, ma per la disponibilità: gli stessi manager italiani della casa sudcoreana non sanno quanti pezzi potranno essere messi sul nostro mercato. "E' un modus operandi cui non siamo abituati", ha ammesso Carlo Carollo, vicepresidente della divisione telefonia di Samsung Italia, sollecitato a dare una stima. Di certo si tratta di poche centinaia, forse nemmeno 500, che saranno prenotabili sul sito Samsung dal 13 novembre e cominceranno ad arrivare nelle mani dei clienti il 16 dicembre al prezzo di 2.050 euro.

in riproduzione....


"Non è stato semplice ottenere per l'Italia la disponibilità di pezzi", ha aggiunto Carollo, confermando che la strategia di Samsung per il lancio del pieghevole si concentra in questa fase su altri mercati, soprattutto quelli asiatici. In Italia, inoltre, arriverà solo il modello 4G anche se il Fold nasce per il 5G. La copertura del servizio di quinta generazione in Italia, ha spiegato Carollo, non giustifica la commercializzazione della versione 5G.

in riproduzione....


Anticipato esattamente un anno fa in occasione della conferenza degli sviluppatori di Samsung e presentato ufficialmente a febbraio insieme all'S10, il Fold arriva sul mercato con un certo ritardo rispetto alle date programmate, per via di alcuni problemi tecnici riscontrati appena arrivato nelle mani degli esperti per i test. Da allora è stata cambiata la pellicola sul display che alcuni avevano rimosso pensando che si trattasse di una protezione ed è stata resa "virtualmente stagna", come ha detto Carollo, la cerniera ra le parti mobili perchè non vi si possano più introdurre i granelli di polvere che avevano finito per danneggiare il meccanismo dei primi esemplari messi in circolazione.
                                
 

Seguici su