Tennis, Atp Next Gen Finals: ko indolore per Sinner, ora la semifinale con Kecmanovic

Tennis, Atp Next Gen Finals: ko indolore per Sinner, ora la semifinale con Kecmanovic
By: Tennis Pubblicato il: novembre 07, 2019 Vista: 3

Tennis, Atp Next Gen Finals: ko indolore per Sinner, ora la semifinale con Kecmanovic

MILANO - Termina la terza e conclusiva giornata di round robin alle Next Gen Atp Finals con i più forti Under 21 del mondo impegnati sul veloce indoor dell'Allianz Cloud di Milano. L'azzurro di San Candido Yannik Sinner, già qualificato nel gruppo B per le semifinali, ha perso l'ultimo match contro il francese Humbert: 4-3, 3-4, 4-2, 4-2 il punteggio finale. L'italiano comunque affronterà il serbo Miomir Kecmanovic che si è assicurato la qualificazione nel gruppo A con il successo in tre set (4-1, 4-1, 4-3) sullo spagnolo Alejandro Davidovich Fokina.

De Minaur-Tiafoe l'altra semifinale

Sempre nel gruppo A, Alex De Minaur passa in semifinale come primo del girone grazie alla lezione sul norvegese Casper Ruud. L'australiano, numero 18 Atp e finalista nella passata edizione, completa il suo percorso netto battendo 4-1, 4-0, 4-2 il norvegese, 56esimo del ranking mondiale. De Minaur sfiderà in semifinale l'americano Frances Tiafoe.

Sinner: "Non mi sento il favorito"

Nonostante abbia perso l'ultimo match, Yannik Sinner non ha voglia di fermarsi: "Sono in un momento della stagione in cui la fiducia non mi manca - ha spiegato oggi l'altoatesino a 'Supertennis.tv' prima dell'ultima partita del gruppo - Forse non mi aspettavo di essere già in semifinale dopo le prime due partite, soprattutto perché nel girone siamo quattro giocatori del tutto diversi quindi tutto si complica". "Sono felice di come sto giocando - ha detto ancora il classe 2001 di San Candido - e poi guardate che nel secondo set, contro Ymer, non era così scontata, Mikael ha avuto le sue chance e su un paio di palle tutto poteva complicarsi e allungarsi. Però io ho servito bene, come ho fatto anche contro Tiafoe", ha aggiunto prima di ricordare a tutti di non sentirsi il favorito: "No, io sono l'ottavo qui, non sono io il favorito. La pressione è addosso agli altri, soprattutto a De Minaur, che ha avuto una grande stagione".

Seguici su