redazione@girovagandonews.eu Whatsapp +39 (366)-(188)-545
.<Analytics.Google>.

Freddie Mercury, annunciato il documentario BBC sulla sua storia "A Life in Ten Pictures". Guarda la prima puntata

Freddie Mercury, annunciato il documentario BBC sulla sua storia
Da: Rock News Pubblicato In: Aprile 12, 2021 Visualizzato: 153

Freddie Mercury, annunciato il documentario BBC sulla sua storia "A Life in Ten Pictures". Guarda la prima puntata

È in arrivo un nuovo documentario della BBC su Freddie Mercury, indimenticabile frontman dei Queen scomparso nel 1991. Si intitola Freddie Mercury: A Life in Ten Pictures e tra i personaggi più interessanti coinvolti nel racconto di una vita e una carriera straordinaria c’è David Wigg, giornalista del Daily Express e amico di Freddie, praticamente l’unico membro della stampa britannica di cui il cantante dei Queen, sempre molto restio a parlare di sé stesso, si fidava. David Wigg era ad Ibiza il giorno della leggendaria festa di compleanno di Freddie Mercury al Pike’s Cub (in cui ha fatto arrivare in aereo privato da Londra gli ospiti) nel settembre del 1987. Secondo le ultime rivelazioni, Freddie aveva già scoperto di aver contratto l’AIDS all’inizio di quell’anno. Nel documentario A Life in Ten Pictures, David Wigg racconta di avergli chiesto della sue condizioni di salute: «David, sei mio amico e voglio dirti le cose come stanno, ma non devi scriverlo nel tuo articolo» gli risponde Freddie. Freddie ha tenuto segreta la malattia alla stampa fino all’ultimo, anche quando dopo la sua ultima apparizione pubblica il 18 febbraio 1990 ai Brit Awards, era ormai drammaticamente evidente a tutti. L’annuncio ufficiale arriva un giorno prima della sua morte, avvenuta nella sua casa di Londra un anno dopo, il 24 novembre 1991. [embedded content] David Wigg ha raccontato che oltre alla sua volontà di non condividere con i giornalisti i dettagli della sua vita privata, la decisione di Freddie è stata guidata da un altro motivo: fino all’ultimo sperava che arrivasse una cura. Il paradosso straziante è che effettivamente, a partire dalla metà degli anni ’90, vengono scoperti e sperimentati farmaci (tra cui la Terapia Antivirale che dal 1996 è diventata lo standard) che hanno abbassato notevolmente la mortalità delle persone colpite dal virus dell’HIV. Ancora pochi anni, e Freddie probabilmente si sarebbe salvato. Il fotografo Richard Young, anche lui amico intimo di Freddie, ha ricordato la sua determinazione e il suo spirito: «Freddie ha affrontato la malattia con grande dignità e senso dell’umorismo» ha raccontato, «In nessun momento voleva sentire di essere in una situazione disperata». Tra le persone che gli sono state accanto fino all’ultimo c’è anche Elton John: «Non poteva più alzarsi dal letto, ma era sempre Freddie, irriverente, spiritoso e determinato più che mai a non permettere che niente gli impedisse di essere sé stesso» ha raccontato Elton, «Mi guardava e mi diceva: “Hai sentito l’ultimo album della Signora Bowie, mio caro? Pensi che lei se la stia cavando bene?” Era incredibile, assolutamente straordinario». [embedded content] Let's block ads! (Why?)

CONTINUA CLICCA! Rock News
Seguici su