redazione@girovagandonews.eu Whatsapp +39 (366)-(188)-545
.<Analytics.Google>.

Nazionale: parte mezzala e torna regista. Il Sensi ritrovato che Mancini consegna a Conte

Nazionale: parte mezzala e torna regista. Il Sensi ritrovato che Mancini consegna a Conte
Da: Serie A Pubblicato In: Aprile 01, 2021 Visualizzato: 129

Nazionale: parte mezzala e torna regista. Il Sensi ritrovato che Mancini consegna a Conte

MILANO - Il giorno dopo la vittoria azzurra con la Lituania, fra i tifosi interisti c’è già chi sogna di vedere Stefano Sensi in regia anche a San Siro, nel ruolo che gli ha tagliato addosso Mancini. Più che mezzala, mente del centrocampo. Più che vice Barella, alternativa a Brozovic, affiancato proprio dal sardo e da Eriksen. Una prospettiva allettante, sempre che il centrocampista tascabile dell’Inter riesca finalmente a trovare continuità nella forma. Fin qui Antonio Conte lo ha avuto a disposizione molto poco, fra infortuni e acciacchi. E proprio ora che potrebbe impiegarlo di più – si allena bene da tempo e la performance in Nazionale lo dimostra – l’ex ct si trova per le mani un centrocampo titolare solidissimo, in cui apportare modifiche rischia di far più danno che bene.

Un gol per ripartire

Messo in campo da Mancini a Vilnius nella ripresa al posto di Pellegrini, nel tentativo di sparigliare le carte a centrocampo, Sensi ha dato all’Italia un gol dopo appena due minuti, con un bel tiro di sinistro da fuori area. Una rete decisiva, come lo era stata quella che segnò il 4 settembre scorso, la sua prima in azzurro, che portò all’ 1-1 contro la Bosnia a Firenze in Nations League. Con il gol di ieri Sensi scrive così il suo nome nella serie delle tre vittorie consecutive per 2-0 dell’Italia e aiuta il suo ct a eguagliare il record di Marcello Lippi dei 25 risultati utili di fila. Interrogato dopo la partita sul valore del gol, Sensi ha detto: “Sicuramente a livello personale è una grande cosa, lavoro per questo. Il ritiro e le settimane in nazionale mi sono servite mentalmente e fisicamente, ho lavorato sopra i problemi e cerco di essere pronto e disponibile soprattutto”.

De Vrij negativo: altra buona notizia per Conte

Il rinato Sensi è una buona notizia per Conte, che progetta il rush finale in campionato. Ottimo per l’Inter è anche il fatto che De Vrij sia risultato negativo al tampone eseguito ieri, dopo che già  capitan Samir Handanovic si era negativizzato martedì. La condizione atletica di entrambi sarà comunque da valutare. Sabato i nerazzurri giocheranno a Bologna contro i rossoblù di Mihajlovic. Mercoledì al Meazza arriverà il Sassuolo di De Zerbi. L’ex squadra di Sensi. E chissà che possa entrare in campo a portare fosforo e velocità, almeno nella ripresa, come fatto a Vilnius. “Mancini ha dato indicazioni per iniziare un buon secondo tempo, ero fuori a scaldarmi, ha dato indicazioni per ribaltare la partita”, ha raccontato fresco di gol, ribadendo che in questa stagione complicata la Nazionale è stato il suo rifugio felice.

Il percorso azzurro del Sensi interista

Da quando è un giocatore dell’Inter, il centrocampista di Urbino ha giocato 6 partite in azzurro, e per due volte è andato in panchina senza entrare. L’esordio in Nazionale da giocatore dell’Inter risale al 5 settembre 2019: 21 minuti in campo nella partita a Yeravan contro l’Armenia, nel girone di qualificazione agli Europei. Tre giorni dopo, gara intera: 90’ contro la Finlandia. Il primo gol è arrivato il 4 settembre scorso scorso, decisivo nell’ 1-1 contro la Bosnia a Firenze in Nations League. Il successivo 7 ottobre ha giocato l’amichevole con la Moldavia. Un paio di panchine in Nations League con Polonia e Olanda a ottobre, e infine le due gare di queste qualificazioni mondiali con Bulgaria e Lituania. Un contributo importante alla Nazionale, e preziosa benzina per la propria autostima, in vista di quel che lo attende: quasi due mesi di campionato con l’Inter, poi l’Europeo.

Leggi dalla fonte Clicca Qui! Serie A
Seguici su