redazione@girovagandonews.eu Whatsapp +39 (366)-(188)-545
.<Analytics.Google>.

Juventus, 44 milioni irrinunciabili: ora la missione si chiama Champions

Juventus, 44 milioni irrinunciabili: ora la missione si chiama Champions
Da: Serie A Pubblicato In: Marzo 23, 2021 Visualizzato: 213

Juventus, 44 milioni irrinunciabili: ora la missione si chiama Champions

TORINO - La sosta per le nazionali priva Andrea Pirlo di 12 calciatori, convocati e impegnati nei match internazionali di qualificazione agli Europei, con l'inedita sfida all'Allianz Stadium tra il Portogallo di Ronaldo e l'Azerbaigian di De Biasi. Tempo che l'allenatore della Juventus avrebbe potuto impiegare per cercare di limare i problemi, di perfezionare gli ingranaggi ormai evidentemente non all'altezza: compito difficile, visto che i problemi che ti ritrovi a marzo difficilmente li risolvi in primavera, come recita la regola non scritta del calcio, reso ancora più complicato dalle dodici assenze.

La corsa Champions

Anche se le parole di Pirlo dopo il ko con il Benevento non sono state di resa per la lotta scudetto, la classifica suggerisce alla Juventus di guardarsi anche alle spalle per blindare la qualificazione Champions. Che con i suoi 44 milioni di euro all'ingresso rappresenta un obiettivo da non fallire, per non dover ricorrere a ulteriori sforzi economici o, nel peggiore dei casi, a un ridimensionamento del progetto bianconero. Sette squadre, dalla capolista Inter alla Lazio con una partita in meno, in corsa per quattro posti: difficilmente i nerazzurri mancheranno la qualificazione, riducendo a tre i posti disponibili. Una volata che i bianconeri vivranno con meno certezze rispetto agli anni passati, quando divoravano gli scontri diretti gettando le basi per lo  scudetto: nelle sfide con avversarie coinvolte nella corsa Champions, la squadra di Pirlo ha finora collezionato tre vittorie, due sconfitte e tre pareggi, in attesa di giocare il match di andata con il Napoli in programma il 7 aprile. 

Le tre tappe verso l'Europa

Napoli, Atalanta, Milan e Inter saranno i quattro passaggi chiave delle ultime giornate di campionato per Ronaldo e compagni: dal 3 aprile, giorno del derby con il Torino, al 23 maggio, match di chiusura della stagione con il Bologna, la Juventus dovrà mettere in cascina i punti della tranquillità, tecnica ed economica. Difficile pensare che una rosa come quella bianconera possa farsi sfuggire un obiettivo così importante: nell'anno delle sorprese, ultima delle quali la vittoria del Benevento all'Allianz Stadium, meglio non dare nulla per scontato. Dopo il Torino arriverà il primo scontro diretto contro il lanciatissimo Napoli, atteso all'Allianz Stadium dallo scorso ottobre, seguito dalla sfida casalinga con il Genoa di quattro giorni dopo. Atalanta  in trasferta, esame chiave per la Champions, Parma in casa e Fiorentina in trasferta le tre partite in una settimana che daranno  il via all'ultimo sprint, quello di maggio: Udinese, Milan, Sassuolo, Inter e Bologna la cinquina con cui si concluderà la stagione. Un calendario niente affatto semplice, almeno per la Juventus vista con il Benevento: servirà un cambio di passo per non dover riscrivere i programmi futuri dei bianconeri. 

Leggi dalla fonte Clicca Qui! Serie A
Seguici su