redazione@girovagandonews.eu Whatsapp +39 (366)-(188)-545
.<Analytics.Google>.

Il prof. Bassetti propone: “Vacciniamo prima tutti i calciatori di serie A”

Il prof. Bassetti propone: “Vacciniamo prima  tutti i calciatori di serie A”
Da: R105NEWS Pubblicato In: Marzo 03, 2021 Visualizzato: 68

Il prof. Bassetti propone: “Vacciniamo prima tutti i calciatori di serie A”

Il direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, Professor Matteo Bassetti ha suggerito attraverso i suoi canali social di vaccinare tutti i calciatori di serie A per evitare nuovi contagi e focolai nel calcio. Su Instagram ha illustrato le sue motivazioni: i giocatori sono meno di 600 quindi sarebbe uno sforzo minimo e comporterebbe un segnale importante, oltre che evitare le continue interruzioni del campionato a causa di casi di positività. Proprio ieri la gara tra Torino e Lazio non si è potuta disputare a causa delle positività trovate tra i giocatori torinesi e quindi costretti dall’Asl piemontese all'isolamento. La Lazio si è presentata regolarmente al campo insieme alla terna arbitrale e la partita è stata assegnata a tavolino, con ricorsi e future evoluzioni in vista, ovviamente.  

Non solo secondo il prof. Bassetti quindi sarebbe utile creare bolle covid free nel mondo del calcio, ma anche l’effetto emulazione sarebbe importante per dare una svolta a come la popolazione percepisce il vaccino: "Se si vaccinasse Cristiano Ronaldo un campione assoluto e amatissimo, chissà quanti tifosi seguirebbero l’esempio…”. Probabilmente è tanto vero quanto triste che ci sia bisogno di seguire l’esempio di un calciatore piuttosto che le parole di un medico quando si decide se vaccinarsi o meno.

Non sono mancate le polemiche sulla proposta a cui Bassetti ha risposto nuovamente su Instagram cosi: "La mia proposta di vaccinare i giocatori di serie A, che sono in tutto 555, voleva essere un messaggio per chi è ancora scettico ( e ahimè sono tanti) e utile per evitare molti problemi di contagio nelle squadre che sono all’ordine del giorno. Quindi mi spiace aver urtato la sensibilità di chi giustamente sta aspettando il vaccino da chi avrebbe già dovuto fornirglielo. Chiunque ha diritto al vaccino a ogni età e situazione e io mi sto battendo per questo. Solo vaccinandoci tutti potremo vincere la battaglia". Per il momento, i calciatori, rimangono in attesa del loro turno senza scorciatoie.

Seguici su