redazione@girovagandonews.eu Whatsapp +39 (366)-(188)-545
.<Analytics.Google>.

Ricongiungimenti solo con il partner. Esclusi i fidanzati

Ricongiungimenti solo con il partner. Esclusi i fidanzati
Da: Cronaca Pubblicato In: Gennaio 21, 2021 Visualizzato: 42

Ricongiungimenti solo con il partner. Esclusi i fidanzati

La villetta al mare è di mia madre. Posso andare?

Se l’abitazione si trova in un’altra regione la deroga al blocco degli spostamenti è per il proprietario o il titolare di un contratto di affitto superiore ai 30 giorni e per il nucleo familiare che in quella casa convive. Ad esempio, se una famiglia è solita passare dei periodi in una seconda casa di proprietà dei nonni e in quei periodi lì convive con loro può farvi rientro in qualsiasi zona si trovi, anche rossa. Ma non può ospitarvi altre persone nè altri nuclei familiari.

Ho affittato una casa vacanze. Posso trasferirmi?

Se la casa si trova in un’altra regione e il contratto di affitto è stato stipulato dopo il 14 gennaio no. Bisognerà aspettare almeno fino al 15 febbraio quando scade il divieto di spostamento. La ratio della deroga che consente di raggiungere le seconde case è infatti quella di consentire il ritorno a chi vi si era recato prima del blocco della mobilità e non a chi l’ha acquistata o affittata dopo. Non è un via libera alle vacanze.

E se l'affitto è solo per 15 giorni. Posso spostarmi?

No, la possibilità di rientrare in una seconda casa in deroga al divieto di spostamenti tra regioni o anche tra comuni in zona rossa o arancione è data solo per affitti che siano superiori ai 30 giorni. Una limitazione che ha scatenato le proteste dell’associazione gestori affitti brevi che denuncia una discriminazione nei confronti di chi dà in locazione appartamenti, ville e residence per periodi più limitati.

Mi sono stabilito nella seconda casa. Posso muovermi?

Sì, se ci si è trasferiti in una abitazione di vacanza prima del 14 gennaio, data dell’entrata in vigore del nuovo Dpcm, è possibile spostarsi anche oltre i confini regionali per tutti i casi consentiti, dunque lavoro, studio, salute, necessità o urgenza e poi fare ritorno alla seconda casa in cui si risiede. Ed è sempre possibile raggiungere in quella casa il nucleo familiare o un partner con cui in quella casa ci si ritrova abitualmente.

Il partner si trova in un'altra regione. Posso vederlo?

Il ricongiungimento con il partner è sempre consentito, anche se si lavora in regioni diverse anche da quella in cui si ha la residenza abituale. Ad esempio: se una persona residente a Roma lavora a Milano e il partner lavora a Bologna la coppia potrà ritrovarsi nella città in cui uno dei due ha la residenza o il domicilio o nella città in cui si trova l’abitazione in cui ci si ritrova abitualmente per periodi più o meno lunghi.

Coniuge, partner e fidanzato, quali differenze?

Il Dpcm non fornisce un’indicazione precisa del tipo di rapporto tra due persone richiesto per consentire lo spostamento. Ma nelle faq sul sito del governo il termine partner è utilizzato come sinonimo di coniuge e quindi la possibilità di ricongiungimento è intesa tra due persone conviventi anche se non legate formalmente.
Non è previsto lo spostamento tra due fidanzati che abitano in regioni diverse e vogliono incontrarsi.

Posso andare in un aeroporto in un'altra regione?

Sì, se si deve prendere un volo o un treno partendo da un aeroporto o da una stazione che si trovano in un’altra regione, ci si può spostare per raggiungerlo. È una ragione di necessità. Ed è consentito anche farsi accompagnare in auto o farsi venire a prendere da un’altra persona se non si ha la patente o non si ha a disposizione un mezzo privato. In auto se si va con una persona non convivente bisogna stare su file di sedili diverse.

Se il funerale è in un'altra regione ci si può andare?

È consentito ma soltanto se si tratta delle esequie di un parente stretto, entro il secondo grado. Per i funerali restano vigenti le regole già previste da mesi nel protocollo firmato con la Cei. Con presenze contingentate non oltre le 30 persone e tutte le misure di distanziamento previste per le cerimonie nelle chiese.
Per le normali messe la raccomandazione è di recarsi in quella nella chiesa più vicina.

In zona rossa i parchi pubblici sono aperti?

Tocca ai sindaci decidere se tenere aperti i parchi e a quali condizioni, frequentabili liberamente o in certi orari a prenotazione. In zona gialla
o arancione si può andare senza nessuna restrizione. In zona rossa, invece, è consentito andare per fare una passeggiata, per fare attività motoria, portare fuori il cane ma soltanto nel parco o nel giardino più vicino alla propria abitazione e rispettando sempre il distanziamento di almeno un metro.

Si può andare in bici in un altro Comune? A pesca e a caccia?

Dipende dalle zone in cui ci si trova. Per l’attività sportiva, per chi è solito macinare chilometri in bicicletta o di corsa, è consentito anche uscire dal Comune in cui si trova a condizione però che si ritorni da dove si è partiti. La caccia o la pesca sono invece consentite in zona gialla o arancione ma non in zona rossa.

Chiusi gli impianti di risalita, nelle località di montagna è consentito andare con le ciaspole o fare sci di fondo o passeggiate.

Seguici su