redazione@girovagandonews.eu Whatsapp +39 (366)-(188)-545
.<Analytics.Google>.

D’Urso, Fazio, Giletti e la politica che si gioca quasi tutta in tv

D’Urso, Fazio, Giletti e la politica che si gioca quasi tutta in tv
Da: Pubblicato In: Gennaio 18, 2021 Visualizzato: 519

D’Urso, Fazio, Giletti e la politica che si gioca quasi tutta in tv

Una domenica bestiale. Da quando è segretario del Pd, Nicola Zingaretti ha compiuto il suo atto più coraggioso, quello che resterà negli annali del Nazareno: è ritornato ospite di Barbarella a «Live non è la D’Urso» su Canale 5. Stiamo parlando di tv, ovviamente, non di politica. Anche se domenica abbiamo avuto l’ennesima testimonianza di come gran parte della politica si giochi in tv: in termini di rappresentazione mai di contenuti. Era bello vedere Zingaretti dare del tu a Barbara come fossero vecchi amici di rotonde sul mare di Ladispoli. Era bello, su Rai3, vedere disegnato sul volto cupo di Lucia Annunziata il suo dissenso (ostilità?) nei confronti di Matteo Renzi, che intanto la chiamava dottoressa come se fosse una collega della dottoressa Giò. E invano ripeteva: «Penso non sia consentito a un politico essere compartecipe di un disegno mediocre senza respiro e che la politica sia solo dispensatrice di poltrone». Da tempo, Pierluigi Bersani bivacca in tv, lo trovi in tutte le trasmissioni: da Sky Tg24 a «Che tempo che fa», a dimostrazione che ormai la disponibilità vale di più della rappresentatività. Bersani è un finto buono, tra una metafora contadina e un’analisi sui pompieri assesta legnate non prive di un certo risentimento. Da Fazio c’era anche il ministro Francesco Boccia (più presente in video della moglie De Girolamo) per chiedere il voto dei parlamentari Iv eletti con il Pd (questo fa un ministro della repubblica?). La sera, Renzi è ospite di Massimo Giletti, su La7: «L’Italia sta rischiando l’osso del collo. Non è una questione personale o scontro tra due ego». Che Renzi parli di ego è come dire (come direbbe Bersani) che la lingua batte ecc. Nel confronto diretto, è giusto dirlo, Giletti si è dimostrato più bravo dell’Annunziata, disponibile a capire. «In mezz’ora», da incorniciare, i capelli tinti di Mastella: il segreto dell’eterno ritorno dell’uguale. 18 gennaio 2021 (modifica il 18 gennaio 2021 | 20:04) © RIPRODUZIONE RISERVATA Let's block ads! (Why?)

Seguici su