redazione@girovagandonews.eu Whatsapp +39 (366)-(188)-545
.<Analytics.Google>.

Bruni Tedeschi: «Siamo egoisti. E perciò aumenta la nostra infelicità»

Bruni Tedeschi: «Siamo egoisti. E perciò aumenta la nostra infelicità»
Da: CS.SP Pubblicato In: Novembre 20, 2020 Visualizzato: 13

Bruni Tedeschi: «Siamo egoisti. E perciò aumenta la nostra infelicità»

ROMA Ha preferito non vedere l’adattamento del 1964 di Citto Maselli (che in quel ruolo volle Paulette Goddard) ma, piuttosto, affidarsi alle pagine del romanzo di Moravia (di cui Bompiani ha appena pubblicato una nuova edizione) e della sceneggiatura scritta da Leonardo Guerra Seràgnoli con Alessadro Valenti. Valeria Bruni Tedeschi è Mariagrazia, la vedova Ardengo, la donna che affida il suo destino e quello dei suoi due figli nelle mani dell’amante Leo (Pesce). «È un personaggio disperato che lega la sua identità sociale ai soldi. La chiave è in quella frase: “Ho paura che se divento povera nessuno mi amerà più. Il cuore del suo bisogno di amore e dell’assoluta mancanza di fiducia in se stessa che la rende miserabile: se pensi che ti si possa amare solo per quello che hai, cerchi di tenertelo stretto pur di non annegare nella solitudine».

Una donna immaginata da Moravia quasi un secolo fa, ma ancora attuale: «Gli esseri umani non cambiano, cambia la società che dovrebbe, migliorandosi, sanare la mostruosità degli esseri umani. Non ho giudicato Mariagrazia. Non mi sembra una marziana, riconosco la sua bruttezza e anche i suoi aspetti commoventi». Rappresentante perfetta di una classe, la borghesia, che dagli anni Venti del secolo scorso è cambiata. «La realtà di oggi è diversa, anche una classe sociale indifferente ai bisogni altrui evolve». Chi sono gli indifferenti? «Sono pessimista. Penso che lo siamo tutti, a cominciare da me. Presi in questo specie di egoismo che ci va voltare la testa, ignoriamo le ingiustizie, grandi e piccole, la mancanza di attenzione verso il prossimo. Dovremmo quotidianamente ricordare che l’egoismo non porta felicità ma, al contrario, aumenta l’infelicità».

20 novembre 2020 (modifica il 20 novembre 2020 | 20:48)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Seguici su