redazione@girovagandonews.eu Whatsapp +39 (366)-(188)-545
.<Analytics.Google>.

Coronavirus, arriva il treno ospedale: terapia intensiva e tecnologia spaziale

Coronavirus, arriva il treno ospedale: terapia intensiva e tecnologia spaziale
Da: RC.ECO Pubblicato In: Ottobre 17, 2020 Visualizzato: 69

Coronavirus, arriva il treno ospedale: terapia intensiva e tecnologia spaziale

Sitael, le aziende del gruppo Angel di Vito Pertosa — Mermec, Eikontech, Brightcide — e il partner Skycomm, si sono aggiudicate la realizzazione di Icutrain (Intensive care unit train), l’innovativo treno ospedale equipaggiato con ambulatori e unità di terapia intensiva che impiegherà le tecnologie e competenze spaziali, ferroviarie, di cyber security e intelligenza artificiale del gruppo Angel per abilitare analisi e consulti medici da remoto che richiedono scambio di dati in tempo reale ed elevati standard di sicurezza. Il progetto è stato selezionato fra i 130 pervenuti in risposta al bando internazionale «Space in response to Covid-19 outbreak», promosso e finanziato dall’Agenzia spaziale europea (Esa) e proposto dall’Agenzia spaziale italiana (Asi), in accordo con il ministro per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione, Paola Pisano, e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro.

Il progetto vede la partecipazione di Trenitalia, che fornirà la carrozza da allestire, della Protezione civile per il supporto operativo e scientifico, e del dipartimento Salute della Regione Puglia. In caso di picchi di emergenza sanitaria, Icutrain offrirà postazioni di terapia intensiva aggiuntive e consentirà il trasferimento di pazienti che necessitino di assistenza in modo rapido, sicuro e a costi sensibilmente inferiori rispetto agli attuali ponti aerei. Icutrain sarà costantemente assistito dalla tecnologia spaziale dei satelliti per le comunicazioni ad alta capacità e per il posizionamento geografico, abilitando funzioni avanzate di telemedicina e telediagnostica in movimento. Le cui attività di test sono previste per la prima metà del 2021: la capacità di pronto intervento ospedaliero sarà riutilizzabile per terremoti, alluvioni e qualunque altra emergenza sanitaria.

Seguici su