redazione@girovagandonews.eu Whatsapp +39 (366)-(188)-545
.<Analytics.Google>.

«Essere Franca», melassa per l’omaggio alla grande attrice

«Essere Franca», melassa per l’omaggio alla grande attrice
Da: CS.SP Pubblicato In: Luglio 31, 2020 Visualizzato: 2

«Essere Franca», melassa per l’omaggio alla grande attrice

Rai1 ha festeggiato Franca Valeri che ieri, 31 luglio, ha compiuto cent’anni. Essere Franca (23,45). Dividiamo questa nota in due parti. La prima per celebrare una delle più grandi attrici della scena italiana. Franca Norsa (questo il suo vero cognome, quello d’arte è un omaggio al poeta francese Paul Valery) ha basato tutto il suo lavoro sull’ironia e sulla satira, regalandoci tanti piccoli capolavori. Milanese, diventata poi romana d’adozione, ben presto deve cercare e trovare in sé stessa la forza d’animo per affrontare il duro periodo delle leggi razziali. Finita la guerra, esordisce col Teatro dei Gobbi, poi — avendo ormai chiarita la sua vocazione di attrice comica («Non farò mai Giovanna d’Arco») — inventa per il varietà i formidabili personaggi della signorina Cesira, della signorina Snob, della «Sora Cecioni figlia della sora Augusta maritata Cecioni»: tre donne che al telefono portano in scena difetti, luoghi comuni, modi di dire dell’universo femminile.

Grande esperienza

L’Italia dovrebbe farle un monumento, per tutta la strepitosa intelligenza, l’ironia acuminata, la grande sapienza che la Valeri ha sempre profuso: una voce salutare, grazie anche alla sua prosa amara, appena mascherata da un sorriso d’intesa. Al suo confronto, siamo tutti «Cretinetti», l’appellativo con cui chiamava Alberto Sordi in quel capolavoro assoluto che è Il vedovo. E molti degli intervistati di Essere Francaerano indirettamente oggetto della misteriosa e crudele risata della Valeri.

Leggi anche

Molto zelo compiacente

La seconda parte riguarda il programma in sé, la solita melassa firmata Pino Strabioli, ormai l’interprete ufficiale del mondo dello spettacolo (l’altra sera c’era anche la riproposta del suo ritratto di Ornella Vanoni). Strabioli rappresenta l’idea di tv che ha il direttore Stefano Coletta: l’aria fintamente minimalista, molto zelo compiacente, il pressapochismo organizzato dei teatranti, un po’ Cecioni, un po’ Cesira ma mai Snob.

31 luglio 2020 (modifica il 31 luglio 2020 | 21:49)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Seguici su